.
Annunci online

LiSoLacHeNonCePiu
>whyWALKwhenYOUcanFLY?<

6 dicembre 2013
buongiorno shanghai!



permalink | inviato da LiZpUnK il 6/12/2013 alle 3:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2013
asian girls

(per tutti quelli che ancora sostengono che giapponesi, cinesi e coreani sono tutti uguali)





(e l'esempio concreto..se così si può definire eheh)





permalink | inviato da LiZpUnK il 27/11/2013 alle 14:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
22 novembre 2013
a voi i commenti... e le risate...



permalink | inviato da LiZpUnK il 22/11/2013 alle 7:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
21 novembre 2013
magari a camminare ci vado un'altra volta
Sono giorni che vorrei andare a camminare o a correrre, o fare un po' di taichi appena imparato all'aria aperta, muovermi un po' insomma... ma nelle ultime settimane l'aria è proprio uno schifo. A volte il cielo limpido t'inganna, pensi: oggi è il giorno giusto! Ti infili nella tua tenuta sportiva, prendi chiavi e fazzoletti, sei in procinto di uscire...quando, all'improvviso, ti viene un dubbio. Riapri il computer e controlli i livelli di pm 2.5 nell'aria... e come un cane appena bastonato, ti rimetti il pigiama e abbandoni anche per oggi ogni speranza di uscire a fare un po' di movimento. Perchè da due settimane (o forse di più) qui a Shanghai i livelli di 2.5 stanno su una media di 200 (sottolineo media). Non è solo triste, è sconfortante, è deprimente. Saranno contenti solo i venditori di mascherine ultima generazione, che in questo periodo staranno facendo grandi affari. Io me la vivo male, perchè anche quando non lo vedi, lo senti... magari a camminare ci vado un'altra volta...

 

 

 



permalink | inviato da LiZpUnK il 21/11/2013 alle 2:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
2 novembre 2013
ci sono giorni in cui
Ci sono giorni in cui
il cielo è grigio
l'aria è strana
sei qui e non sai
dove andrai

Procedi senza una direzione
segui il vento, il sole, il cuore

Di tutto quello che accadrà
nulla sai
ma
ci sono giorni in cui
ti sembra di poter abbracciare il mondo
e tutte le possibili vie che potresti imboccare
e
ci sono giorni in cui
non trovi la strada
le vie ti sembrano confuse
le vedi ma non le vedi

E' così che va
ormai l'hai capito
ci sono tante cose da fare
da capire

Accumuli ma non fai ordine
non trovi una logica

Ci sono giorni in cui
va così

 



permalink | inviato da LiZpUnK il 2/11/2013 alle 6:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
22 ottobre 2013
random
La mia amica canadese da oggi inizia un lavoro di tutorato per insegnare l'inglese (modalità 1 a 1) pagato molto bene (20 euro l'ora, che per gli standard locali sono davvero bei soldi). Lavorerà due giorni a settimana, un'ora ogni volta. Il suo allievo è un* bambin* di 10 mesi. I genitori vogliono che sviluppi da subito l'orecchio per l'inglese, così poi tutto sarà più facile..............

Un conoscente gay nel weekend, dopo una serata alcolica piuttosto accesa, al momento del rientro a casa (6 del mattino) si sente tutto su di giri. Decide, quindi, attraverso un'applicazione di trovare qualche ragazzo nelle vicinanze con cui concludere in bellezza la serata/mattinata. Così, dopo qualche sms, il suddetto conoscente si ritrova davanti alla suite di un hotel a 5 stelle di superlusso. Il ragazzo con cui era in contatto viene ad aprire la porta e....sorpresa: nella stanza ci sono ben 6 uomini (5 stranieri e un cinese, tutti businessman) intenti a... beh insomma, i dettagli ve li do al ritorno. Colto totalmente alla sprovvista, il conoscente rimane shocckato alla vista di tanta lussuria. Non può far altro che declinare l'invito a prendere parte all'orgia (quando è troppo è troppo) e, un po' deluso, tornare a casa.

Ultima nota:   Parole proibite
Ormai sappiamo tutti la storia per cui se digiti "Tiananmen" su un motore di ricerca cinese ti compaiono solo informazioni architettoniche sulla piazza pechinese che porta questo nome....giusto? Tuttavia, non ti aspetti, traducendo un testo economico dal cinese all'italiano, di incappare nelle seguenti difficoltà:
- non conoscendo il significato di alcuni caratteri li cerco in un dizionario on-line cinese-inglese: il risultato è il termine "contrazione", associato a "contrazione muscolare", "contrazione del metallo", "contrazione del legno", "restringere (di vestiti)" e poco più. Ma.... "contrazione economica"? Niente da fare, questa proposta il dizionario non me la fa. Se non avessi avuto un testo cinese che associa questi caratteri non avrei mai potuto accertare che quel dato termine per "contrazione" poteva usarsi anche (e forse prima di tutto) in ambito economico.
- altri caratteri ignoti; li digito nel dizionario on-line e mi compare la seguente stringa: "la parola che stai cercando non può essere visualizzata poichè viola le norme vigenti e le leggi in materia di bla bla bla". O mamma mia... ma cosa stavo mai cercando?? Tramite il servizio di traduzione dello stesso sito sono arrivata alla traduzione "situazione di depressione economica". A quanto pare, la Cina quest'anno non sta messa bene come vorrebbe a livello economico (non so dire di più però).Perchè creare il panico tra la popolazione, quando basta semplicemente eliminare una parola, è facile no?          
 (nota: questo episiodio si è verificato un mesetto fa, oggi sono ritornata nel sito e ho ridigitato la parola: la stringa non compare più, l'utente viene semplicemnte invitato a usare il servizio di traduzione. Meglio non dare nell'occhio e... usare un po' di vaselina per internauti.)

Infine, evviva il chinese fashion style.





permalink | inviato da LiZpUnK il 22/10/2013 alle 1:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
1 ottobre 2013
back to the 90's
Ebbene sì, lo ammetto.
Ieri sera sono andata in ben due club. (Shame on me!)
Uno peggio dell'altro.
Ecco perchè ora sono qui a scrivere cazzate, anzichè a far fruttare al meglio le mie giornate cinesi.
Il mio cervello è in rivolta, si rifiuta di cooperare. Ma d'altronde, non ha tutti i torti, dopo quello che è stato costretto a subire ieri notte.
Ma vediamo per bene come sono andate le cose.

Ore 9.30  Bussano alla porta. Sono i miei "amici di dormitorio".
Andiamo a bere una birra vieni? Ma sì!

Ore 10.15 Arriviamo in un bar carino, piacevolmente deserto. Il tempo di una birretta e...

Ore 10.50 Dobbiamo muoverci se vogliamo avere il tavolo al Mook (1° dei dei 2 postacci dove sono finita).
[nota: tutti sanno che io nn frequento quei posti, per cui in genere vado con loro per la birra e poi me ne torno a casa quando loro partono in direzione club]
Lisa, vieni con noi?
[nota: erano neanche le 11!! E...ebbene sì avevo voglia di stare fuori, e poi loro sono così tranquilli...]
[se vi state chiedendo perchè avessero così fretta, dovete sapere che la movida shanghaiese inizia alle 9.30/10.00 e fino alle 11 in molti locali gli stranieri entrano gratis, con tanto di tavolo privato e free drinking incluso.......mah....]
Ma sì dai! Andiamo!

Ore 11.00 Siamo al mook e il "tavolo" che ci danno è un rialzo davanti a uno dei numerosi muri di casse che occupavano ogni angolo del locale. Volevo spararmi. Ovviamente parlare era impossibile, ballare non ne parliamo. La musica peggiore di sempre...stile anni '90 (che andrebbe anche bene eh), ma popolata di vocine del cazzo che dicevano stupidissime frasi in inglese che tutti e dico tutti conoscevano e cantavano a squarciagola. Io non ne sapevo manco una ovviamente, finchè a un certo punto...illuminazione... parte "Rythm of the night", ebbene si raga, quella canzone che ci faceva sognare quando a 13 anni andavamo sugli autoscontri alla sagra del paese... Ora mi lancio- penso. E invece no, dopo neanche la prima mezza strofa il mitico dj della serata cambia canzone. Ma come ha potutoooooooooooo???
[nota: i dj cinesi non potrebbero MAI e dico MAI suonare in Italia, perchè fanno delle cose che secondo me sono davvero contrarie all'etica professionale del settore. Del tipo? Del tipo CAMBIARE CONTINUAMENTE LE CANZONI DOPO NEANCHE 2 MINUTI CHE STANNO ANDANDO e RIMETTERE LE STESSE CANZONI DUE VOLTE O PIù NEL CORSO DELLA STESSA SERATA. Canzoni rigorosamente di merda, peraltro.]

Orario indefinito, circa mezzanotte. Dal nulla compaiono su un palco una specie di Rihanna in tuta superaderente dai colori fluo, stile aerobica anni '90, e 5 ballerini vestiti come quelli delle autostrade (pieni di strisce catarinfrangenti dappertutto) e cominciano un macabro show, dove lei canta e balla in playback strusciandosi addosso ai suoi colleghi... La folla è in delirio. Il locale continua a riempirsi. La gente continua a spingere.
Ma porca paletta chi me l'ha fatto fà....

Orario indefinito, presumibilmente l'una e qualcosa. Vedo il mio gruppo allontanarsi. Hanno deciso che questo club non gli piace molto. Meno male, su questo siamo d'accordo. Hanno deciso di andare in un altro club. Vedo in ciò un ottima occasione per filarmela. Ma niente da fare. Non posso svignarmela così vigliaccamente. Un amico in più mi dice, fidati, questo posto dove andiamo ora è mooooolto meglio.
E così sono finita presso l' "S2". Musica elettronica più battuta e con meno vocine, ballerine in abiti succinti (e ridicoli) in giro per il locale, getti di fumo in pista.... davvero, il mio pensiero non poteva che tornare al "periodo autoscontri". Al "tavolo" compaiono bottiglie di wishky e vodka con succhi e coca cola....gratis...... questa cosa è scioccante. I cinesi pagano l'ira di dio solo per poggiare il culo su uno di quei divani, mentre gli occidentali non pagano NULLA. Il motivo? Qui pare valere l'equivalenza per cui "locale pieno di stranieri= locale figo". E, a quanto pare, si possono tranquillamente permettere di regalare fiumi di alcool a noi poveri scemi, che crediamo di essere finiti in paradiso solo perchè possiamo bere come delle merde senza pagare uno yuan. E così gli occidentali che vivono qui passano moltissime serate così. Questo è il sistema e visti gli incassi che fanno i club di Shanghai (sui 3mln di yuan a serata almeno) direi che non fa una piega.

Ore 2.50 Basta non ne posso davvero più di sto cazzo di fumo negli occhi, di sta musica di merda e di sti occidentali del cazzo che imbriaghi spolpi ti sbattono addosso e ti urlano nelle orecchie.

"I'm going now...see you tomorrow guys!"

Ore 3.30 Camera mia. Il silenzio, la pace dei sensi. Ah!...

Direi che ho assolto ai miei obblighi sociali per tutto il mese di ottobre, almeno. Ora lasciatemi fare la cosa che preferisco di più..... la nonna :)



permalink | inviato da LiZpUnK il 1/10/2013 alle 5:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
29 settembre 2013
l'arte del thè...
... ha i suoi presupposti culturali, mi pare ovvio.
Così siamo partiti con delle lezioni sulla cultura del thè, e fin qui...
Tornata a casa leggo il primo capitolo del libro di testo, 10 pagine interamente dedicate all' "etica professionale".

Paragrafo 1.1.3, punto numero uno:

"Studiare una corretta teoria e farsi guidare da essa nella pratica è il procedimento fondamentale dello sviluppo dell'etica professionale. Ciò richiede che coloro che si occupano di arte del thè afferrino la posizione del marxismo, il suo punto di vista e i suoi metodi [...]"

Stesso paragrafo, punto numero 3:

"Per affinare la qualità dell'etica di coloro che si occupano di arte del thè è importantissima l'autocritica [...]"

Ahahah... che bella la Cina!






permalink | inviato da LiZpUnK il 29/9/2013 alle 9:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 settembre 2013
lo stile di un'epoca
"[...] All'epoca si indossavano solo vestiti blu scuro o verde militare. Non è che non si potesso indossare altri colori; il fatto è che nessuno voleva essere diverso rispetto agli altri. E siccome la maggior parte delle persone portava abiti solo di quel colore, allora tutti li portavamo. Essere diversi dagli altri non era visto di buon'occhio. Qualcuno avrebbe subito detto: "Ah, guardala, vuole farsi vedere!" E così ti accusavano di qualcosa e magari ti arrestavano pure. Pensate che, all'epoca, le donne avevano solo due vestiti: un paio di pantaloni per l'inverno e una gonna per l'estate. Ma un anno, quando arrivò l'estate e con essa il gran caldo, dopo aver indossato i pantaloni per tutto l'inverno, tanta era la paura di essere additati come diversi, che nemmeno le donne osavano più mettere la gonna. E così tutte tenevamo i pantaloni nonostante facesse davvero un gran caldo. Andò avanti così per un po', finchè un giornò una ragazza, coraggiosissima, si presentò con la gonna. E sapete che accadde? Il giorno dopo tutte le donne ripresero felicemente a indossare le loro gonne![...]"
                
Liberamente tratto da: Lezioni della Prof.ssa Fang (Spiegazione del termine "stile, tendenza")



permalink | inviato da LiZpUnK il 27/9/2013 alle 11:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
24 settembre 2013
Il passato è passato!
Lezione di "Lettura approfondita".
La prof, nello spiegarci una parola il cui significato è pressapoco quello di "risultare inulte", "fallire (nel senso di una mancata realizzazione di un'aspettativa)", ci riporta il seguente episodio a titolo esemplificativo.

Quando ho finito le superiori avevo circa 20 anni e volevo studiare medicina all'università. Era il 1966. Quell'anno iniziò la Rivoluzione Culturale e tutte le università furono chiuse. Per dieci anni mi toccarono lavori molto umili. Poi venne Deng Xiaoping e le università riaprirono. Nel frattempo, però, erano già passati 10 anni; allora, avevo quasi 30 anni. Nessuna università di medicina avrebbe ammesso uno studente che aveva già 30 anni! Quindi scelsi di iscrivermi al dipartimento di studi sulla lingua cinese. Ecco, in questo caso posso dire che "le mie aspettative erano, a quel punto, fallite".

A ognuno le sue riflessioni. Per quanto mi rigurda, questo racconto mi ha davvero colpito, soprattutto perchè fatto da una donna vivace, impegnata, sempre sorridente e bravissima nel suo lavoro.









permalink | inviato da LiZpUnK il 24/9/2013 alle 4:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 33395 volte